Si ferisce sull’altalena per disabili e prende pure una multa…
17 Giu 2018

Si ferisce sull’altalena per disabili e prende pure una multa…

Oggi si è verificato purtroppo un altro incidente a causa dell’altalena per utenti in carrozzina a Paderno riportato dai quotidiani in questo modo: “Cade dall’altalena inclusiva (ma non è disabile): bambino multato. È successo in piazza Falcone e Borsellino, dove è installata da qualche anno l’altalena inclusiva pensata per un uso esclusivo di bambini in sedia a rotelle. Dopo le prime medicazioni, i sanitari hanno trasportato il bambino in codice verde al pronto soccorso di Cinisello Balsamo. Notizia integrale: https://www.ilnotiziario.net/2018/06/17/paderno-dugnano-altalena-inclusiva-multa-bambino-polizia-locale/

NOI SIAMO VERAMENTE STANCHE DI LEGGERE NOTIZIE DI INCIDENTI E DANNEGGIAMENTI VERSO LA FAMOSA ALTALENA CON PEDANA PER CARROZZINE. VI RENDETE CONTO DELL’INCOMPATIBILITÀ DEI TERMINI “INCLUSIVA” ED “ESCLUSIVA”?
L’altalena viene definita inclusiva ma è ad uso esclusivo dei bambini in carrozzina. Allora: o è inclusiva o è esclusiva…
Possibile che in un parco giochi pubblico vengano installati giochi che non rispettano la normativa sulla sicurezza e con tanta facilità si scarichi ogni responsabilità con un cartello? In un parco giochi non devono essere installati giochi ad uso esclusivo di qualcuno, il parco giochi è uno spazio dove tutti possono e devono giocare insieme. Noi lo urleremo sempre più forte: basta a questo gioco pericoloso e per nulla inclusivo che ha già provocato troppi incidenti e in tante città è stato danneggiato dai vandali nel giro di poche settimane dall’inaugurazione. Se volete la vera inclusione realizzate un parco giochi inclusivo e informatevi, informatevi bene perché realizzarlo non è facile ma è dovere di ogni amministrazione nel rispetto delle leggi in vigore riguardanti l’accessibilità e fruibilità di ogni spazio pubblico!

E non veniteci a dire che siamo insensibili o che il bambino non doveva salire su quel gioco perché, lo ripetiamo, non si è mai visto che in un parco giochi vi siano strutture riservate solo ad alcuni e per giunta pericolose con il solo obiettivo di far credere ai cittadini di aver incluso i bambini disabili.

Claudia Protti & Raffaella Bedetti – © Parchi per Tutti

 

comment 2

  1. WALTER PANDOLFI

    18 giugno 2018 at 6:21 am

    Mio figlio è su sedia a rotelle e dico che sono favorevole a queste altalene. E’ il parco giochi ad essere inclusivo, non l’altalena in se. L’altalena diventa pericolosa quando viene danneggiata o usata in modo improprio. I genitori dovrebbero vigilare sui propri figli e vietargli (spiegandogli il perché) non devono usare questo tipo di giochi. In un mondo perfetto sarebbe bello vedere in ogni parchetto giochi fruibili da tutti. Per ora mi accontento anche solo di queste altalene che possono dare a mio figlio la possibilità di giocare a qualcosa.

    • Parchi per Tutti

      18 giugno 2018 at 7:04 am

      Walter la ringraziamo per il suo commento ma ci teniamo a chiarire che questo tipo di altalena purtroppo è pericolosa per tutti, a causa del peso e di molte altre caratteristiche che non rispettano i criteri stabiliti dalla normativa sulla sicurezza in vigore in tutti i paesi europei quindi anche in Italia. Sicuramente bisogna vigilare sui figli ma un bambino potrebbe essere colpito dall’enorme cestello di metallo ondeggiante mentre a bordo c’è un bambino in carrozzina. Accontentarsi di questo tipo di struttura gioco è controproducente per tutti perché se i genitori non si battono per un vero e proprio parco completamente accessibile e con strutture gioco fruibili contemporaneamente a tutti i bambini, le amministrazioni continueranno a installare solo ed esclusivamente questo tipo di struttura che ha un costo molto contenuto; perché dovrebbero sforzarsi di progettare un vero e proprio parco con costi molto molto maggiori? Le dirò di più: ai Sindaci interessa talmente poco del diritto al gioco dei bambini con disabilità che spesso questa altalena la posizionano su prato, terra o ghiaia. E poi vogliamo parlare degli altri bambini con disabilità? Chi è in carrozzina a volta si accontenta di questa altalena e chi ha difficoltà a deambulare ma non usa una carrozzina? Lo lasciamo sulla panchina a guardare gli altri che giocano? Bisogna combattere per avere spazi adatti a tutti e non accontentarsi di un giochi ad uso esclusivo di una minoranza che tra l’altro non comprende tutti i disabili. Claudia

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: