435 altalene esclusivamente riservate :-(
28 Ago 2019

435 altalene esclusivamente riservate :-(

27/08/2019. Ed eccone un’altra. Siamo giunti circa a 435 altalene di questo tipo installate nelle varie regioni italiane.
In questo caso l’hanno messa su prato, così chi è in carrozzina deve pure faticare un pochino per arrivarci, e recintata, (che tristezza).
La recinzione serve ad evitare che i bambini che dovessero gironzolare lì attorno vengano colpiti accidentalmente da questo enorme e pesante cestone di metallo in movimento ma allora facciamocele due domande: un gioco che ha bisogno di una recinzione, (in alcune città la recinzione o il gioco stesso viene pure chiuso con un lucchetto), è un gioco sicuro?

E oltre alla sicurezza pensiamo all’inclusione: quale inclusione può creare un gioco riservato ai soli utenti in carrozzina dai 3 ai 12 anni? Un bambino di 3 anni ma anche di 4 o 5 o 6 può benissimo essere spostato dalla carrozzina a un’altalena a cestone o dotata di schienale.
I bambini con disabilità motoria che non sono seduti in carrozzina li lasciamo ai margini del parco, su una panchina a guardare?
La scena sarà questa: bambino in carrozzina che dondola da solo sull’altalena a lui riservata e bambini “normodotati” che giocano insieme dall’altro lato del parco sulle strutture classiche.
Mi chiedo quanto… Quando finalmente le amministrazioni smetteranno di inaugurare un giochino segregante e pericoloso che ha un costo a partire da meno di 3.000 euro e invece si fermeranno seriamente a pensare a un progetto in grado di accogliere tutti, un progetto che garantisce accessibilità e fruibilità al maggior numero di utenti possibile. Claudia

Fonte: https://www.adriatico24ore.it/la-prima-altalena-per-disabili-inaugurata-al-parco-annunziata-la-prossima-alla-bambinopoli/

Claudia Protti & Raffaella Bedetti – © Parchi per Tutti

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: