Un’altalena per disabili che renderà il parco giochi inclusivo?
14 Set 2019

Un’altalena per disabili che renderà il parco giochi inclusivo?

Rimini 14/09/2019

Pescate (Lecco): …é stata posizionata ieri mattina al parchetto giochi “Marco” del Parco Torrette, una nuova altalena per disabili che renderà il parco giochi inclusivo e quindi aperto a tutti i bambini.“

Ci risiamo… Nuovamente l’altalena con pedana in grado di ospitare una sedia a ruote viene definita “gioco inclusivo” e nuovamente viene fatto credere che renderà il parco giochi inclusivo ovvero in grado di accogliere e far divertire tutti i bambini. Senza voler tirare in ballo le solite spiegazioni del perché questo gioco ha poco a che fare con l’inclusione, domandiamoci almeno come può una singola struttura essere considerata inclusiva, come può rendere un parco, (che potrebbe essere coperto di erba e avere in dotazione giochi di arrampicata, scivoli e altre strutture assolutamente inaccessibili a bambini con disabilità), adatto a tutti.

Non è il singolo “giochino” che include i bambini con disabilità, (questo in particolare poi è ESCLUSIVAMENTE RISERVATO A UTENTI IN CARROZZINA), è un progetto vero, un progetto serio che tenga conto dei bisogni di tutti i bambini, compresi quelli con disabilità. Un parco in grado di accogliere tutti è un parco prima di tutto accessibile, con pavimentazione adatta al transito delle carrozzine e che permette alle persone cieche e ipovedenti di muoversi in autonomia. Un parco inclusivo offre strutture gioco che siano il più possibile fruibili contemporaneamente a tutti i bambini. Se vogliamo inclusione non possiamo installare in un angolo un gioco riservato a qualcuno e lasciare che il bambino giochi da solo. Dobbiamo creare spazi in grado di creare occasioni di incontro per i bambini: conoscersi, giocare insieme, fare amicizia. Per questo motivo occorrono strutture che possano essere utilizzate da tutti e tutti insieme.

Non confondiamo un giochino esclusivamente riservato a una categoria di bambini con disabilità con un’area giochi inclusiva, sono due tipologie di spazio differenti come il giorno e la notte!

Questa altalena costa circa 3.000 euro, un parco giochi inclusivo richiede una spesa di 100/150.000 euro. Impossibile che nella prima ipotesi si tratti di spazi in grado di accogliere tutti gli utenti. E allora rendiamo merito alle amministrazioni che hanno deciso di investire seriamente in progetti seri e speriamo che chi ha deciso di spendere solamente 3.000 euro decida di informarsi per capire cos’é un parco inclusivo.

Claudia Protti & Raffaella Bedetti – © Parchi per Tutti

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: