E l’accessibilità?
12 Giu 2019

Ponte San Pietro (Bergamo) 11/06/2019

Cantieri aperti in paese. Dalla manutenzione stradale alla messa alle opere pubbliche, dal nuovi giochi inclusivi per i bimbi disabili agli impianti sportivi, passando attraverso la riqualificazione dell’Isolotto, tanti sono i progetti in corso o in via di realizzazione programmati per questo 2019. Da quest’anno anche i bimbi diversamente abili potranno vivere al meglio gli spazi ludici dei parchi Cavalier Ubiali e Vanni Rossi grazie ai nuovi giochi

Fonte: http://www.bergamopost.it/che-succede/estate-cantieri-ponte-san-pietro/

Ancora una volta l’accessibilità è stata lasciata sulla carta, nella realtà, nel parco, non è presente. Ancora una volta si pensa solo ai bambini che usano una carrozzina ma le disabilità possono essere anche sensoriali, intellettive, anche motorie ma non gravi da necessitare di una carrozzina.
Come potranno giocare i bambini con ridotta capacità motoria su questo gioco se non esiste un percorso accessibile per raggiungerlo? Tra l’altro la rampa non parte dal terreno, c’è anche un piccolo dislivello…

Teniamo sempre ben a mente, come indicato nelle linee guida CEN/TR 16467 Playground equipment accessible for all children pubblicato dal European Committee for Standardization:

– “Un accesso raso terra che si raccordi al più vicino sentiero di accesso pubblico all’area di gioco è auspicabile, non solo per gli utenti su sedie a rotelle, ma anche passeggini, altri ausili per la mobilità, ipovedenti o che hanno difficoltà a camminare e sono instabili sui loro piedi“

– “Strade e percorsi di accesso devono essere realizzati con materiali e strutture che possono essere utilizzati durante tutto l’anno. L’erba, ad esempio, non può essere adatta perché la pioggia invernale può trasformarla in un percorso fangoso e inaccessibile.”

– “Per giocare sulle attrezzature, il bambino disabile deve essere in grado di accedervi. Senza un facile accesso non importa quanto sia adatta o eccitante la struttura, per loro non è di alcuna utilità. Ciò significa che devono essere predisposti percorsi e vie di accesso per tutti i bambini”

Claudia Protti & Raffaella Bedetti – © Parchi per Tutti

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: